Giovani non binari e fluidità sessuale: un maggiore rischio di infezioni sessualmente trasmesse?

La prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse è fondamentale per la salute di tutti, ma una recente ricerca condotta dalla Fondazione Foresta rivela che i giovani non binari e non eterosessuali potrebbero essere maggiormente esposti a comportamenti a rischio e, di conseguenza, a tali infezioni. In questo articolo, esaminiamo l’importanza della prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse e il legame tra disagio e comportamenti a rischio tra queste popolazioni, sottolineando il ruolo cruciale dell’educazione e del sostegno.

Principali risultati

L’analisi dei dati ha mostrato che i giovani non binari e con orientamento sessuale non eterosessuale presentano comportamenti a rischio più frequenti rispetto ai coetanei con identità binaria e eterosessuali. Tali comportamenti includono un maggiore consumo di marijuana, partner multipli e un’incidenza significativamente più alta di infezioni sessualmente trasmesse. Il disagio vissuto da questi giovani è anche evidente nel loro rapporto con la famiglia, spesso caratterizzato da frammentazione e solitudine.

Il concetto di fluidità sessuale

La fluidità sessuale, un termine coniato nel 2008 dalla psicologa Lisa Diamond, si riferisce alla capacità di essere flessibili nella risposta sessuale, consentendo alle persone di sperimentare cambiamenti nella propria sessualità nel corso della vita. Questo concetto è particolarmente rilevante tra i giovani, che sono ancora in fase di sperimentazione ed evoluzione della propria sessualità.

Disagio e comportamenti a rischio

Il professor Carlo Foresta, presidente della Fondazione che ha condotto la ricerca, sottolinea come i comportamenti a rischio siano spesso espressione di un disagio più profondo e intimo tra i giovani non binari e con orientamento sessuale non eterosessuale. La ricerca di un’identità e/o sessualità non riconosciuta come accettata dal mondo circostante può portare a comportamenti noti come “sensation-seeking”, ovvero la ricerca del piacere attraverso attività rischiose.

Prevenzione e consapevolezza

Nonostante la maggiore frequenza di infezioni sessualmente trasmesse tra i giovani non binari e con orientamento sessuale non eterosessuale, questi ultimi effettuano più spesso test HIV e sono generalmente più consapevoli dei rischi derivanti dall’infezione da HIV. Tuttavia, i progressi nelle terapie antiretrovirali e la disponibilità di nuove terapie sperimentali non devono far dimenticare l’importanza della prevenzione primaria e della sensibilizzazione.

Lo studio della Fondazione Foresta evidenzia l’importanza di un maggiore supporto e comprensione per i giovani non binari e con una sessualità fluida. La condivisione e la sensibilizzazione a livello familiare e scolastico sono fondamentali per permettere a questi ragazzi di vivere la loro identità in maniera naturale e ridurre il disagio e i comportamenti a rischio. Inoltre, è fondamentale continuare a promuovere la consapevolezza e l’educazione sulla salute sessuale e la prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse, indipendentemente dall’identità di genere e dall’orientamento sessuale dei giovani.

Promuovere l’accettazione e il sostegno

Per affrontare il disagio vissuto dai giovani non binari e con orientamento sessuale non eterosessuale, è importante che le famiglie, le scuole e la società nel suo complesso lavorino insieme per promuovere l’accettazione e il sostegno a tutte le identità di genere e orientamenti sessuali. Creare un ambiente inclusivo e accogliente per tutti i giovani può contribuire a ridurre il disagio e i comportamenti a rischio associati.

Educazione sessuale inclusiva

L’educazione sessuale nelle scuole deve essere inclusiva e rispettosa delle diverse identità di genere e orientamenti sessuali. Fornire informazioni accurate e aggiornate sulla salute sessuale, comprese le modalità di prevenzione delle infezioni sessualmente trasmesse, è cruciale per garantire che tutti i giovani siano informati e consapevoli dei rischi e delle responsabilità associate alla loro sessualità.

Collaborazione tra professionisti e comunità

I professionisti del settore sanitario, gli educatori e le comunità locali devono collaborare per fornire risorse e supporto ai giovani non binari e con orientamento sessuale non eterosessuale. Creare reti di supporto e offrire servizi specializzati può aiutare a garantire che questi giovani abbiano accesso all’aiuto e alle informazioni di cui hanno bisogno per prendersi cura della propria salute fisica ed emotiva.

È fondamentale riconoscere e affrontare il disagio e i comportamenti a rischio tra i giovani non binari e con orientamento sessuale non eterosessuale. Attraverso l’educazione, la sensibilizzazione e il sostegno, è possibile contribuire a creare un ambiente più accogliente e sicuro per tutti i giovani, indipendentemente dalla loro identità di genere o orientamento sessuale.

Maggiori informazioni e approfondimenti su questo tema

congresso la salute sessuale nella coppia

Condividi questo articolo