Nuove opzioni terapeutiche nell’ambito delle patologie infiammatorie cutanee severe: la rivoluzione continua

Nuove opzioni terapeutiche nell'ambito delle patologie infiammatorie cutanee severe: la rivoluzione continua

Un aggiornamento riguardo le più attuali ricerche e scoperte nel campo delle patologie infiammatorie cutanee severe e nelle opzioni terapeutiche avanzate

L’ambito delle patologie infiammatorie cutanee severe si è sostanzialmente arricchito negli ultimi anni, grazie alle nuove opzioni terapeutiche emerse da recenti ricerche e scoperte. Queste patologie, spesso invalidanti, includono tra le altre la psoriasi, la dermatite atopica severa, l’orticaria cronica, e le dermatiti da contatto allergiche severe.

Le nuove opzioni terapeutiche

Tra i principali protagonisti di queste nuove terapie, troviamo senza dubbio le molecole bio-tecnologiche, specificatamente progettate per interferire con le particolari vie del sistema immunitario responsabili dell’infiammazione cutanea. L’avvento di queste nuove molecole ha cambiato radicalmente l’approccio alle patologie infiammatorie cutanee severe, portando a una significativa ottimizzazione dell’outcome terapeutico e della qualità di vita dei pazienti.I nuovi farmaci biologici includono infatti monoclonali anti-TNF alfa, anti-IL 12/23, anti-IL 17 e anti-IL 4/13, ma anche piccole molecole come gli inibitori della fosfodiesterasi-4 e del Janus kinase.

L’approccio personalizzato che questi nuovi trattamenti consentono è senza precedenti, e rappresenta una sfida per le future linee guida: la selezione del trattamento più appropriato dovrebbe prendere in considerazione non solo l’efficacia e la sicurezza, ma anche le caratteristiche individuali del paziente, tra cui la presenza di comorbilità e il rischio di effetti avversi a lungo termine.

Recenti Ricerche e Scoperte

Le recenti ricerche sono senza dubbio in fase di omologazione di nuovi farmaci biologici, e si stanno facendo passi avanti considerevoli nella comprensione dei meccanismi molecolari che sottendono l’infiammazione cutanea. Ad esempio, si è scoperto che nel caso della dermatite atopica, l’infiammazione cutanea è mediata principalmente da un pattern di citochine Th2.L’identificazione di tale pattern ha permesso lo sviluppo di terapie biologiche mirate, come il dupilumab, un anticorpo monoclonale che blocca il recettore delle interleuchine 4 e 13.

Un’altra recente ricerca ha dimostrato il ruolo fondamentale di una particolare proteina chiamata Tas2r38 nel manifestarsi dell’infiammazione cutanea, sia in modelli animali che umani. Questa proteina sarebbe in grado di regolare la rigenerazione della pelle: sarebbe quindi possibile sviluppare farmaci capaci di stimolare l’azione di questa proteina per aiutare la pelle a guarire più velocemente.

Prospettive Future

Nonostante i progressi significativi, l’ambito delle patologie infiammatorie cutanee severe rimane un campo di ricerca attivo. Le sfide per il futuro riguardano la continua ottimizzazione e personalizzazione delle strategie terapeutiche, l’individuazione di biomarcatori utili alla predizione dell’efficacia e della sicurezza dei trattamenti, e la ricerca di nuovi target terapeutici.

Le nuove scoperte offrono grandi speranze per tutti quei pazienti che soffrono di patologie infiammatorie cutanee severe e ribadiscono l’importanza del costante progresso scientifico e dello scambio di conoscenze in ambito medico.

 

 

Bibliografia

1. Armstrong AW, Read C. Pathophysiology, Clinical Presentation, and Treatment of Psoriasis. JAMA. 2020;323(19):1945–1960.

2. Proksch E, Brasch J. Abnormal epidermal barrier in the pathogenesis of contact dermatitis. Clin Dermatol. 2012;30(3):335-344.

3. Beck LA, Thaçi D, Hamilton JD, et al. Dupilumab Treatment in Adults With Moderate-to-Severe Atopic Dermatitis. N Engl J Med 2014; 371:130-139.

4. Malhotra N, Yoon J, Leyva-Castillo JM, et al. IL-33 in Atopic Dermatitis. J Clin Med. 2020;9(6).

5. Adhikary AK, et al, Targeting the TAS2R38 Plant-Derived Bitter Taste Receptor in Human Skin: from Molecular Mechanisms to Clinical Trials Front. Immunol., 01 July 2019.

6. Galluzzo M., et al. Tumor necrosis factor α inhibitors and changes in HbA1c and fasting blood glucose in diabetes type 2 patients with Non-Hepatitis liver disease/ psoriasis. Diabetology & Metabolic Syndrome volume 11, Article number: 13 (2019).

 

Condividi questo articolo